Terapia Sistemico Relazionale

La terapia sistemico-relazionale nasce da Bateson, antropologo americano che negli anni 20/30 introduce in concetto di SOGGETTO CONTESTUALE. Bateson con questo termine teorizza che la personalità venga costruita attraverso l'interazione tra l'ambiente, gli altri individui e la propria soggettività.

La propria identità nasce e si sviluppa grazie alle relazioni significative che la persona intrattiene nel corso della sua vita; pertanto, le problematiche che il soggetta porta vengono viste non come come difficoltà insite nel soggetto piuttosto come l'esito di esperienze relazioni non soddisfacenti o vissute come problematiche.

 

Da qui la visione del soggetto portatore del malessere come membro del sistema in cui vive. Il problema non viene letto tanto come qualcosa che riguarda solamente l'individuo, ma come espressione di un disagio all'interno di uno dei sistemi di cui fa parte (famiglia, lavoro, scuola, coppia etc).

Lo scopo finale della terapia sistemica è quindi quella di trovare modalità più funzionali per stare nei contesti di vita, inoltre aiuta il soggetto a leggere alcuni situazioni ed eventi in modo più emotivamente tollerabile, trovare significati a difficoltà emotive e familiari.

La terapia Sistemico-Relazionale può quindi essere adatta a coloro che si trovano a vivere difficoltà relazionali in specifici rapporti; particolarmente indicata a problematiche evolutive da parte dei bambini e degli adolescenti.

E' necessari specificare che la psicoterapia Sistemica-Relazionale ha la stessa valenza sia lavorando con la famiglia che alla presenza di un unico soggetto, l'individuo è di per se un sistema, dotato di caratteristiche strutturali e organizzative.

apr 20, 2015
Categoria: Generale
Inserito da: Roberta Ricci

MANGIO DI TUTTO

E... GUSTO!

 
Roberta Ricci - P.I. 02854511207 C.F.  RCCRRT77M68A944E - Via Ferrara 66/A, 40139 Bologna
Privacy Policy e cookie